Ricerca
  • Condizione
  • Stato
  • Chi è affetto
Menu gsk

l’asma in età pediatrica, in gravidanza e nei pazienti anziani

 
 

L'asma è una malattia molto comune in età pediatrica nei paesi industrializzati: per questo la diagnosi precoce e tempestiva è importantissima. L'asma del bambino viene definita come la comparsa di ripetuti episodi di sibilo collegati a ostruzione delle vie aeree. Questi episodi possono essere dati da infezioni virali, allergeni o attività fisica.

La diagnosi in età pediatrica è complessa e il medico si basa per lo più sull'anamnesi, l'esame obiettivo e la storia familiare, sulla sensibilizzazione agli allergeni e su eventuali test allergici come quello sul sangue con la ricerca di IgE o il prick test. In caso l'età del bambino lo permetta si piò utilizzare anche la spirometria. Come terapia si utilizzano principalmente cortisonici inalatori e broncodilatatori(1).

La donna con asma che si prepara a una gravidanza deve sapere che sia per lei sia per il bambino è importante non sospendere la terapia. I vantaggi dovuti al trattamento farmacologico sono maggiori rispetto ai rischi di una riacutizzazione o dell'uso di farmaci al bisogno. Questo perché l'interruzione del flusso di ossigeno al bambino in caso di attacco asmatico potrebbe comportare gravi danni(2).

Nei pazienti anziani la gestione dell'asma può essere critica a causa della presenza di altre malattie. Per questo la scelta del farmaco più appropriato deve essere fatta tenendo conto di alcune caratteristiche che possono rendere difficoltosa l'inalazione e l'utilizzo di un dispositivo inalatore(2).

Condividi

Bibliografia 1, 2