Ricerca
  • Condizione
  • Stato
  • Chi è affetto
Menu gsk

come gestire l’asma in gravidanza

 

L'asma bronchiale può essere fonte di preoccupazione per le donne che affrontano una gravidanza. Tuttavia, se la malattia è ben gestita e i sintomi sono sotto controllo i rischi per la salute della mamma e del nascituro sono limitati o addirittura assenti.

La gravidanza è senza dubbio un periodo di grande cambiamento per l'organismo della donna a causa delle fluttuazioni ormonali, e anche i polmoni e le vie aeree ne possono risentire. Ad esempio, sentirsi affaticate o 'a corto' di fiato può in alcuni casi essere una semplice conseguenza dell'aumento del peso. E' difficile prevedere, però, come si comporterà l'asma durante i nove mesi di gestazione: i sintomi possono peggiorare, rimanere inalterati o migliorare con la stessa probabilità(1). Per questo è importante che la futura mamma si sottoponga a controlli regolari e segua le raccomandazioni necessarie per prevenire l'esacerbazione dell'asma. È il peggioramento dei sintomi asmatici, infatti, a costituire un fattore di rischio anche per la salute del bambino.

In generale, l'asma in gravidanza può peggiorare se(2):

  • le manifestazioni erano gravi già prima del concepimento
  • si interrompe la terapia farmacologica abitualmente assunta

Il 3-12% delle donne in gravidanza soffre di asma. Una donna su cinque va incontro all'esacerbazione dei sintomi, spesso verso la fine del secondo trimestre. Il rischio che l'asma peggiori durante i nove mesi è maggiore in chi ha sempre sofferto di un'asma grave, anche prima del concepimento(3). Tuttavia, anche forme di asma lievi o moderate possono andare incontro a esacerbazioni dell'asma quando si interrompono le terapie già in uso per il trattamento dell'asma(2).

Le terapie per l'asma sono sicure in gravidanza?

Sono molte le donne che sospendono l'assunzione dei farmaci non appena scoprono di essere incinta, per il timore che i corticosteroidi o i beta2-agonisti abituali danneggino il feto(2). Una paura infondata: molti farmaci oggi disponibili hanno dimostrato di essere sicuri anche in gravidanza.

Al contrario, ciò a cui si deve fare attenzione è un peggioramento dei sintomi. Se la futura mamma fatica a respirare, infatti, anche l'apporto di ossigeno che arriva al nascituro può essere ridotto, con conseguenze per il suo sviluppo.(1,3)

L'esacerbazione dell'asma in gravidanza è associata a(3):

  • basso peso del bambino alla nascita
  • scarsa crescita del bambino
  • pre-clampsia
  • parto pretermine

Il rischio che l'asma peggiori, però, si riduce al minimo se la donna in gravidanza segue correttamente la terapia abituale o riadattata dal medico 'a misura' delle sue condizioni di salute.

Molte pazienti con sintomi asmatici sporadici o di breve durata non hanno bisogno di una terapia quotidiana. Chi soffre di crisi più gravi, può gestire bene l'asma con i corticosteroidi o i beta2-agonisti. Sarà il medico a stabilire la terapia e il suo dosaggio per il controllo dell'asma e la prevenzione di riacutizzazioni(4).

I controlli sono più frequenti

Per tenere il passo con i repentini cambiamenti dell'organismo in gravidanza, anche l'asma deve essere monitorata con più frequenza. Le linee guida raccomandano alle gestanti di essere visitate ogni 4-6 settimane(5).

Dopo una riacutizzazione, inoltre, deve essere programmata una visita di controllo entro una settimana. Sarà il medico curante a stabilire la frequenza dei controlli, in base alla salute della futura mamma(5).

Eliminare altri fattori di rischio per l'asma

Anche durante la gravidanza, per migliorare il controllo dei sintomi è bene stare alla larga da alcuni fattori che possono riacutizzare l'asma(1).

Tra questi:

  • il fumo, anche quello passivo, particolarmente dannoso per lo sviluppo del feto
  • una dieta poco equilibrata, che favorisca il sovrappeso
  • lo stress che può influire sulla gestione delle crisi asmatiche
  • le infezioni virali delle vie respiratorie, a cui le donne incinte possono essere più vulnerabili

Condividi

Bibliografia 1, 2, 3, 4, 5

1. Murphy VE. Managing asthma in pregnancy. Breathe 2015; 11: 258-267 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4818212/pdf/EDU-0079-2015.pdf

2. Belanger et al. Obstet Gynecol. 2010 March ; 115(3): 559–567. doi:10.1097/AOG.0b013e3181d06945.http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3176497/pdf/nihms241090.pdf

3. Murphy, Clifton, Gibson. Thorax 2006;61:169–176. doi: 10.1136/thx.2005.049718 http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2104591/pdf/169.pdf

4. AIFA. http://www.farmaciegravidanza.gov.it/content/asma Ultimo accesso verificato: Agosto 2017.

5. GINA guidelines. Update 2016