Ricerca
  • Condizione
  • Stato
  • Chi è affetto
Menu gsk

in caso di rinite allergica: a chi rivolgersi e cosa fare?

 
 

La rinite allergica è più diffusa di quanto si possa pensare: è un problema sanitario globale e il numero di persone che ne soffre è spesso sottostimato. Il motivo? La maggior parte delle persone che convive con i sintomi della rinite allergica non si rivolge al medico(1).

La rinite allergica – con i suoi classici sintomi simili a quelli di un raffreddore – non viene considerata una vera e propria malattia e per questo molti pazienti decidono di fare a meno della visita dallo specialista (1). Tuttavia, per poter individuare le cause, gestire i sintomi e avere una buona qualità della vita, il primo passo è proprio quello di rivolgersi al proprio medico, che potrà richiedere una visita specialistica dall'allergologo, il quale avrà modo di accertare la diagnosi e individuare gli allergeni responsabili mediante appositi test cutanei e sul sangue(2).

La corretta gestione della rinite allergica prevede diverse fasi: allontanamento dell'allergene, terapia farmacologica, immunoterapia specifica (vaccini specifici contro l'allergene prevalente) ed educazione del paziente(1).

Chi soffre di rinite allergica può iniziare ad adottare da solo alcuni accorgimenti per evitare i sintomi più fastidiosi e acuti (naso che cola, arrossamento degli occhi, starnutazione continua). In ambienti chiusi come case, uffici e luoghi pubblici, l'OMS raccomanda di migliorare il più possibile la ventilazione, i metodi di pulizia e igiene, evitando per esempio l'utilizzo di carta da parati e moquette. Questo permette di ridurre la presenza di acari della polvere e muffe(2).
È utile anche poter controllare il livello di umidità e le fonti di inquinamento come il fumo di sigaretta(2). Sempre per evitare gli acari si suggerisce, ad esempio, di rivestire materassi e cuscini con apposite fodere impermeabili agli acari, eliminare i tappeti o trattarli con acaricidi, ridurre la presenza di mobili che possono accumulare facilmente polvere (con imbottiture), lavare spesso peluche e tende e usare aspirapolveri con filtri ad alta efficienza(1).

Fuori casa, invece, non è possibile tenere sotto controllo pollini e spore fungine, che oltretutto possono penetrare nelle nostre case. Come comportarsi? Per prima cosa si consiglia di tenere le finestre chiuse durante il giorno e di aprirle di notte, quando la conta pollinica è più bassa. È anche possibile dotare gli impianti di ventilazione di appropriati filtri per ridurre l'ingresso di pollini nelle abitazioni e nell'auto. In caso si possono utilizzare maschere protettive e occhiali(1).

L'eliminazione totale dell'allergene è in realtà impossibile da ottenere, soprattutto perché spesso si è allergici a più sostanze. Tuttavia, l'allontanamento è ancora un suggerimento efficace per gestire i sintomi della rinite allergica, insieme ad alcuni farmaci per via orale o nasale, come antistaminici o corticosteroidi(1).

Condividi

Bibliografia 1, 2

1. Linee guida ARIA http://www.progetto-aria.it/materiale/aria_ita.pdf

2. Bousquet J et al.; Allergy 2008 63 (Suppl 86): 8–160.